Rock On Parade – 3° Edizione! Regolamento e modalità d’iscrizione

logo rock on parade biancoREGOLAMENTO *ROCK ON PARADE* – III ed. 2017

1) ROCK ON PARADE è un Contest live itinerante dedicato alla musica originale e d’autore organizzato da L’Urlo Libera Associazione di Liberi Musicisti con la stretta collaborazione di RADIO ROCK 106.600, aperto a tutti i generi musicali, al quale si può partecipare presentando RIGOROSAMENTE BRANI ORIGINALI. Il contest consta di due diversi momenti: una prima selezione web aperta a chiunque voglia mettersi in gioco e farci ascoltare la propria musica, ed una seconda fase LIVE che chiameremo FASE FINALE e che prevederà il concorrere alla vincita dei premi messi in palio dall’organizzazione e dagli sponsor tecnici della manifestazione. Non essendo un concorso prettamente canoro non è data la possibilità di partecipare cantando su basi complete ed in assenza quindi di musicisti, è aperto anche a cantautori e solisti purché possano esibirsi completamente dal vivo  o con l’uso di sequenze e loop ma sempre comandati dal vivo; possono altresì partecipare gruppi strumentali, sempre con un brano inedito, senza vincoli sulla formazione, né vincoli si impongono sulla lingua usata nei testi in caso di canzoni.

———————————————————

2) La domanda di iscrizione deve pervenire via mail all’indirizzo lurlomusica@gmail.com entro e non oltre il 10/4/2017 per chi volesse far valutare la sua richiesta per l’eventuale partecipazione alla manifestazione “PRIMO MAGGIO DEI CASTELLI”, gestita dalla stessa organizzazione, oltre che per la partecipazione al contest vero e proprio. L’iscrizione al contest sarà invece aperta fino al 30 giugno 2017. Unitamente alla domanda d’iscrizione va allegata la prova di versamento di euro 20 (cifra unica, sia per i singoli che per le band) richiesti come costi di iscrizione al contest e contributo per il vaglio del materiale inviato, che non verrà in ogni caso restituito. NEL CASO DI AMMISSIONE ALLA FASE FINALE DELLA MANIFESTAZIONE NESSUN ALTRO CONTRIBUTO ECONOMICO SARA’ RICHIESTO ALLE BAND!!! La domanda deve contenere il modulo prestampato che trovate in appendice a questo regolamento e deve essere completata da link per l’ascolto della band dei quali uno dovrà essere necessariamente live, senza pretese nella qualità audio e/o video, anche se registrato durante le prove piuttosto che ad un live. La domanda dovrà ancora contenere una breve biografia/curriculum ed una scheda tecnica dettagliata della band.

La direzione artistica si preserva di escludere band anche dal solo vaglio del materiale per eccessi di irriverenza nei testi e negli argomenti trattati o atteggiamenti offensivi e lesivi delle altrui libertà, condizioni che implicheranno l’immediata esclusione dalla selezione, ed il materiale inviato sarà cestinato e non si potrà esigere il rimborso della quota versata.

——————————————————

3) Il superamento della selezione non è strettamente collegato alla partecipazione al PRIMO MAGGIO DEI CASTELLI, in quanto questo è vincolato dagli spazi liberi di esibizione e dalle scelte artistiche operate dalla direzione a suo insindacabile giudizio. Tale superamento invece dà accesso alla FASE FINALE del contest, che prevede una esibizione live in un periodo tra settembre e dicembre 2017. Nel caso di passaggio a questa fase ai gruppi verranno richiesti altri adempimenti, ovvero: la consegna della registrazione del brano iscritto per l’EVENTUALE inserimento in una compilation, quindi di buona qualità, e relativa liberatoria all’utilizzo, la consegna di tre copie del testo che verranno messe a disposizione della giuria tecnica, le liberatorie per le immagini e l’utilizzo del brano per la sponsorizzazione ed altro che si riterrà necessario al momento. [Si specifica da ora che per l’inserimento dei brani in compilation non si richiederà alle band nessuna cessione dei diritti d’autore, né d’altro canto si offrirà un compenso di qualsiasi natura per l’utilizzo del brano, tantomeno si obbligheranno i partecipanti ad acquisti di copie seppur minimi.]

L’esibizione per le FASI FINALI del Festival prevede l’esecuzione di un brano in concorso più altri due brani per dar modo alla giuria di valutare diversi fattori, come la capacità di arrangiamento e l’affiatamento tra i componenti, a patto che i tre brani rientrino nella durata complessiva di 15 minuti presentazioni comprese, altrimenti si potranno eseguire SOLO DUE BRANI.

A questa FASE FINALE avranno accesso 24 band totali che disputeranno 4 quarti di finale, dai quali 12 band passeranno alle semifinali e di conseguenza 6 alla FINALISSIMA. Sarà cura dell’organizzazione trovare gli spazi più adeguati alle esibizioni assicurando un ottimo livello tecnico dei palchi e del personale a disposizione delle band. (A titolo di esempio elenchiamo i palchi con i quali abbiamo collaborato nelle prime due edizioni: Contestaccio, Spazio Ebbro, Mentelocale, Asino Che Vola, New Rockness…)

———————————————————–

4) AI MUSICISTI PARTECIPANTI ALLE SERATE essendo sempre molti ed avendo già i locali ospitanti in carico l’accoglienza dell’organizzazione e della giuria non potranno essere garantite consumazioni, tuttavia sarà SICURAMENTE previsto un trattamento economico di favore con forti sconti dai prezzi a menù, ed in ogni caso è lasciata piena libertà ai musicisti di provvedere per proprio conto, senza alcun obbligo di consumazione presso le strutture che ci ospiteranno di volta in volta! (Crediamo sia un punto importante da specificare)

————————————————————

5) Il giudizio per passare il turno nelle FASI FINALI del contest sarà espresso da una giuria tecnica formata da un minimo di quattro elementi, ed una giuria popolare, composta da tutto il pubblico presente durante le esibizioni, ma ogni persona componente la giuria popolare dovrà esprimere per iscritto, con voto segreto su moduli da noi forniti, la preferenza per DUE BAND, pena la nullità del voto, di modo che non vinca chi ha un seguito di pubblico maggiore, ma chi effettivamente ha più colpito il pubblico nella sua totalità. Il voto del pubblico sarà calcolato secondo la seguente equazione:

Numero di votanti : numero di voti = 10 : X dove X è il voto espresso, che farà cumulo con quello della giuria tecnica, ottenuto dalla media algebrica tra il totale dei voti ed il numero di giurati. Ne deriva che tali voti possono essere compresi sempre tra 0 e 10, dando una somma totale compresa tra 0 e 20.

La giuria tecnica sarà sempre composta da personale qualificato del settore musicale: musicisti, fonici, operatori radiofonici, art director, insegnanti di musica, coadiuvati dagli sponsor che vorranno intervenire a questa prima edizione di ROCK ON PARADE.

—————————————————————

6) I premi che prevede il contest sono di varia natura, le opportunità che offre non sono strettamente collegate alla finalissima, si cercherà anzi di dare il massimo della visibilità alle band meritevoli già in corso d’opera! L’associazione L’Urlo si impegnerà nella diffusione della musica delle band finaliste tramite tutti i suoi canali e mediante la partecipazione ai suoi eventi, con aperture a band di fama nazionale ed interventi radiofonici e recensioni. In più l’organizzazione sta trattando con sponsor tecnici (fotografi, liutai, negozi di strumenti musicali, studi di registrazione…) per l’istituzione di premi e sconti speciali per TUTTI i musicisti partecipanti. I gruppi che sapranno distinguersi per professionalità, bravura ed idee avranno la possibilità di una produzione discografica e l’utilizzo del nostro ufficio stampa e dei nostri canali per la pubblicizzazione dei propri lavori.

————————————————————–

7) La firma del modulo di iscrizione fa intendere il regolamento accettato in ogni sua parte, ogni trasgressione ad uno qualsiasi dei punti sopra elencati dà alla direzione artistica del festival l’autorità di prendere provvedimenti disciplinari che possono andare dalla revisione al ribasso dei voti all’esclusione dalla competizione, e in caso di trasgressioni gravi (es. l’esecuzione di brani in più rispetto ai concordati, l’uso di linguaggio irriverente ed offensivo o di atteggiamenti volti a ledere l’altrui libertà, l’esecuzione di cover), la direzione può decidere d’imperio la sospensione dell’esibizione.

————————————————————–

Riepilogo MATERIALE DA SPEDIRE via mail a : lurlomusica@gmail.com

-1 BREVE BIOGRAFIA E CURRICULUM DEL GRUPPO

-1 SCHEDA TECNICA DETTAGLIATA

-IL MODULO D’ISCRIZIONE COMPILATO IN OGNI SUA PARTE

– 1 o più link per l’ascolto dei brani di cui necessariamente uno live (anche se di bassa qualità)

– Ricevuta del versamento di 20 € a titolo di iscrizione/contributo al seguente IBAN: IT78A0200839494000103155965 intestato a PRIMO MAGGIO DEI CASTELLI con causale “contributo contest” o prova del versamento in modalità diverse concordate con gli organizzatori.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MODULO D’ISCRIZIONE CONTEST *ROCK ON PARADE* – III edizione – 2017

(L’Urlo – Libera Associazione di Liberi Musicisti feat. Radio Rock 106.600)

——————————-

 

NOME BAND___________________________________________________________________________

PROVENIENZA__________________________________________________________________________

REFERENTE: Cognome____________________________________Nome___________________________

Indirizzo_______________________________________________________________________________

E-mail____________________________________________Telefono______________________________

 

Elementi:

Nome______________Cognome___________________Strumento__________________________

Nome______________Cognome___________________Strumento__________________________

Nome______________Cognome___________________Strumento__________________________

Nome______________Cognome___________________Strumento__________________________

Nome______________Cognome___________________Strumento__________________________

Nome______________Cognome___________________Strumento__________________________

———————————-

BRANI DEPOSITATI: (es. SIAE – SOUNDREEF – PATAMU – ALTRI – AUTOTUTELA)  _________________________________________________

———————————-

Io Sottoscritto__________________________________________In qualità di rappresentante della band

_____________________________________________ dichiaro di aver preso visione del regolamento e di

accettarlo in ogni sua parte, perfeziono quindi con l’invio di questo modulo e del materiale richiesto la

nostra domanda d’iscrizione a ROCK ON PARADE – III Edizione.

 

Firma


“Tra la Macchina e il Portone” compie un anno… E potete scaricarlo GRATIS!!!

Il primo disco de La MaLaStraDa, Tra la Macchina e il Portone, compie un anno. Esattamente il 10 Marzo del 2016 fu presentato con una gran festa presso La Quintessa Home a Castel Gandolfo. E mentre la band lavora ai brani del secondo disco ed intanto è impegnata nella fine di un tour di presentazione che ha toccato molte province d’Italia, da Asti a Taranto, da Venezia a Cosenza, ci pare giusto oggi omaggiare questo traguardo con un dono a chi ci vuol bene e apprezza il nostro lavoro: DA OGGI E PER UNA SETTIMANA L’INTERO ALBUM SARA’ SCARICABILE GRATUITAMENTE DAL NOSTRO SOUNDCLOUD!

Questo è il link per l’ascolto ed il download dell’intero lavoro, che ha visto la collaborazione di molti musicisti in un’avventura a spasso tra la musica e l’amicizia. Gianluca Lupo, Enrico Guglielmo, Adriano Viterbini, Giancarlo Barbati (Giancane), Stefano Fiori (Area765), Sergio Gaggiotti (Rossomalpelo) ed ancora Tiziano Russo (Lo Spinoso) che ci ha accompagnato e continua a farlo in gran parte dei live con le sue chitarre, ed infine Emanuele Galoni che ci ha regalato una ghost track nel suo stile di un nostro brano, che trovate appunto in fondo alla playlist.

Chiediamo in cambio a chi decide di approfittare della nostra offerta la semplice ed economica contropartita di una condivisione a questo post! Grazie a tutti!

 


Baustelle: Amanda Lear – recensione

Oh rega’, io vi ho voluto un sacco bene, lo sapete… ma che due palle gli anni ottanta.

Bella.


Le Luci Della Centrale Elettrica: Stelle Marine – recensione

Di Vasco Brondi ci sono cose che si possono prendere in giro, non per ultima quella dizione/cadenza che ricorda lontanamente una prima gattonissima Valeria Marini, qualche etto di ritocchi fa. Così a questa canzone mi ero avvicinato con quel leggero ghigno per scriverne male, cercando di non capirla quasi perché facesse più fico che farlo, così l’arpeggio iniziale non  mi risultava starci dentro con la melodia vocale, ancor peggio all’ingresso delle percussioni tribali. Andando avanti di poco nell’ascolto però tutto ha preso un andamento molto “quadrato” e definito di cose diverse che viaggiano insieme con lo stesso passo. Una migrazione musicale di suoni normalmente impensabili da avvicinare che si stanno di fianco mantenendo la stessa andatura con naturalezza, come in fila allo sbarco di una nave che ha raccolto gente da tutto il mondo. “L’acqua si impara dalla sete”, giusto, “la terra dagli oceani attraversati”, cazzo se è vero, “la pace dai racconti di battaglia”… Al ritornello mi sono convinto di stare ascoltando una gran bella canzone, che rimane in testa il giusto per far riflettere, attuale, ma di quell’attualità trattata con poesia, pure che se piangi non ti si arrugginisce niente. E quando ho visto quella festa colorata di danze tribali fuori la stazione e c’era quel bambino appena nato ho notato le sue mani e mi sono commosso.

Non credo che riuscirò più a vedere una stella marina senza pensare a quelle mani.

Bella.

 

(P.S. Sì, lo so che il testo è tratto da una poesia di Emily Dickinson, ma tu ce l’hai messa in una canzone?)


The Castaway: Blank Pages – recensione

The Castaway, pseudonimo artistico di Luca Frugoni, giovane nostrana speranza approdata al cantautorato folk da una strada che ha attraversato anche il Metal e del quale si porta dietro molta della grinta che lo caratterizza. Voce strepitosa alla quale questa prima registrazione fa giustizia solo in parte, probabilmente per stabilire un compromesso con l’internazionalità che il genere e la lingua inglese richiedono, con l’uso di effetti secondo me “penalizzanti” rispetto all’originale (andatevi a sentire qualcosa chitarra e voce e mi capirete). Comunque prodotto a mio avviso rispettabilissimo, ben fatto ed arrangiato, dall’ingresso dell’elettrica stoppata che rimette in riga gli arpeggi e i pizzichi agli interventi di archi tirati, semplici ma perfetti per ristabilire la calma e poter ricominciare a dialogare con l’ascoltatore. insomma, ottima prima prova se l’intento è quello di usarla come trampolino di lancio per un lavoro su un disco che suoni più “vero” nell’uso delle voci. Del video che dire, ben fatto, buona qualità di immagini, il livello onirico e reale sembrano rincorrersi in un montaggio abbastanza credibile. Certo, in questo momento storico inizia ad essere un po’ abusato questo naturalismo di boschi, laghi, tramonti e flanella, ma magari sono io che di video ne vedo troppi. A discolpa c’è da dire che in quanto a flanella Luca Frugoni aka The Castaway ne abusa pure nella vita!

Aspetto news con fiducia e speranza, e perché no, anche con un po’ di orgoglio tutto “castellano”.

Bella.


Brunori Sas: La verità – recensione

brunori-sas

fonte http://www.soundsblog.it – Brunori

“Te ne sei accorto sì,
che parti per scalare le montagne
e poi ti fermi al primo ristorante
e non ci pensi più.”

Una canzone che ha tutta l’aria di poter diventare un pezzo di storia nel panorama molliccio di questa musica degli anni dieci. Questa sola prima frase vale più di tanti album “regalati” a questo 2017. E in altri momenti Brunori non mi è piaciuto, chiedetelo a chi vi pare, pure a Kurt Cobain.

Bella.


Pop_X – recensione

popx-frame-cattolica

Frame dal video di Cattolica

Pop_X pare si legga popper, che è una droga, ma niente di che, un vasodilatatore che dura 3 secondi dalla sniffata alla fine dell’effetto, o stai a pipparlo di continuo oppure conviene che sperimenti altre droghe. Ecco, io Pop_X credo che abbia (o abbiano) sperimentato decisamente altre droghe: sicuramente ketamina, emmeddì, acidi in quantità importanti da quello che è il risultato del suo (loro) lavoro.

E’ una musica che non capisco, con testi che non capisco ed immagini che non capisco. Ci ho provato, e mi sono andato a sentire e leggere pure più di qualche intervista per vedere se cambiasse qualcosa nella mia comprensione. Niente. Forse non è un progetto digeribile alla soglia dei quaranta anni, ma mentre dover riconoscere a se stessi che si sta invecchiando in altri frangenti mi ha dato non poco fastidio stavolta devo dire che tuttavia mi sento fortunato.

Bella.

 

( Il progetto: https://andreacaovini.wordpress.com/2017/02/03/recensioni-di-uno-stronzo-qualunque/ )


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: