Archivi tag: andrea caovini

“Tra la Macchina e il Portone” il primo disco de La MaLaStraDa in streaming e download sulle maggiori piattaforme! I link!

malaspotify

 

ROCKIT.IT – Clicca qui

SOUNDCLOUD – Clicca qui

YOUTUBE – Clicca qui

SPOTIFY – Clicca qui

AMAZON.COM – Clicca qui

 

Annunci

La MaLaStraDa – Press Kit

 

BIOGRAFIA: La MaLaStraDa nasce nel 2011 come prosecuzione del progetto solista di Andrea Caovini, in essere per la pubblicazione di un libro, “Prenestinity” per l’editrice Zona di Arezzo, e del relativo Audiolibro per i tipi di Terre Sommerse di Roma, dalle musiche e testi dell’audiolibro prende spunto questo progetto a tutti gli effetti cantautorale, attivo dal vivo da fine 2010 anche se sotto altro nome, fino ad oggi. Dopo diverse aperture a live importanti (Il muro del canto, Mannarino, Area765, Oratio ed altri) La MaLaStraDa prende la via del disco completando il repertorio e stampando prima l’EP Colpa del vino, interamente autoprodotto, nel 2013 e nel 2016 “Tra la Macchina e il Portone” che dopo 2 anni di lavori e collaborazioni importanti (Giancane, Adriano Viterbini, gaLoni, Lo Spinoso, Emanuele Colandrea…) affronta una tournée partita da Roma il 10 Marzo 2016 che ha attraversato tutta l’Italia peninsulare da Torino a Cosenza, da Ferrara a Taranto, terminando nell’estate 2018 con la partecipazione ad alcuni festival romani. Periodo che ha visto la band rientrare in studio per lavorare al nuovo disco di imminente uscita: Canzoni di una certa età.

COMUNICATO STAMPA – La MaLaStraDa

Esce il 18 Novembre 2018:

 “CANZONI DI UNA CERTA ETA’”

CANZONI DI UNA CERTA ETA’ è il nuovo album di inediti de La MaLaStraDa, interamente autoprodotto, in uscita il 18 Novembre 2018 su tutti i digital store e presentato con un live a L’ASINO CHE VOLA di Roma.

Terzo lavoro in studio e secondo album della discografia ufficiale della band, dopo “Tra la macchina e il portone” (2016) e l’EP “Colpa del vino” (2012).

In questo lavoro la band, rinnovata in alcuni dei componenti, si propone con 10 inediti di raccontare la vita in età, come invita chiaramente il titolo, non più scolastica, dove i problemi sono più i congedi che gli incontri. Il divorzio, le incertezze del lavoro, la rivoluzione mai praticabile a causa delle continue partite di calcio, l’amore in tarda età che non è poi così diverso da quello delle scuole medie, questi sono alcuni dei temi trattati con ironia e sonorizzati chiedendo una mano al più classico dei rock, con sonorità attinte dalle basi di questa musica, pur sempre rimanendo di base un lavoro vicino al folk ed al cantautorato.

I testi e la musica sono di Andrea Caovini, fondatore del progetto nel 2010, progetto divenuto poi band, stabilizzato dopo l’uscita del primo album in un solido quartetto base composto da:

Andrea Caovini – piano, organo, voce

Giancarlo Andreacchio – chitarre

Luca Balsamo – basso

Alberto Croce – batteria

ASCOLTACI:

SoundCloud – https://soundcloud.com/la-malastrada

Playlist da Youtube – https://www.youtube.com/watch?v=JIYSh4T-vbE&list=PLGBunriYo2Zw8u9FWOfQ-u-DIc-xF48Dq

VIDEO: 

 

 

 

 

RECENSIONI ED ARTICOLI:

http://albanocalling.blogspot.it/2016/02/5-domande-la-malastrada.html

La Malastrada

https://www.rockit.it/recensione/33782/lamalastrada-tra-la-macchina-e-il-portone

https://lester.roma.it/cupido-sbagliato-mira-video-de-la-malastrada-esclusiva-lester/

https://www.mescalina.it/musica/news/11322/malastrada

 

FOTO: 

CONTATTI/SOCIAL: 

Andrea Caovini – andreacaovini@libero.it – 3492122416

Facebook: https://www.facebook.com/La-MaLaStraDa-123413944394657/

Twitter: https://twitter.com/AndreaCaovini

Instagram: https://www.instagram.com/lamalastrada/

Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCgVfJ9df-yya2A_hNWrAJhw

 

 


Tre brani in esclusiva dal nuovo disco de La MaLaStraDa

Foto copertina prova

Scatto di Emmecinquephoto (Palazzo Sforza Cesarini di Genzano di Roma + AR Giulia 1976)

“Tra la Macchina e il Portone” è il nuovo disco de La MaLaStraDa, che verrà presentato alle radio dal 29 Febbraio 2016 e live dal 10 Marzo con una serata a La Quintessa Home di Castel Gandolfo e da lì in un tour per Live Club che attraverserà un po’ tutta la penisola. Al link in basso potrete ascoltare in esclusiva 3 brani, nell’ordine:

1 (tr. 1) Belli Fuori, brano che vede la partecipazione alle chitarre ed ai cori di Tiziano Russo, in arte Lo Spinoso, talentuoso chitarrista e cantante alle prese col suo secondo album;

2 (tr. 3) MaLaMoRe, per il quale la band si è avvalsa della collaborazione di Adriano Viterbini chitarrista fondatore dei BSBE con all’attivo un progetto solista (da poco uscito col secondo albom Film|o|Sound) e collaborazioni con importanti artisti del panorama nazionale ed internazionale (da Raf fino al trio Fabi, Silvestri, Gazzé, a Bombino ed ora in partenza con i Tre Allegri Ragazzi Morti);

3 (tr. 7) Cupido Ha Sbagliato Mira, che è il brano sicuramente più conosciuto per La MaLaStraDa ma che per l’occasione si è vestito a nuovo grazie alle chitarre di Giancarlo Barbati, in arte Giancane con il suo progetto solista, chitarrista del Muro Del Canto!

 

Questo il link al SoundCloud:   https://soundcloud.com/la-malastrada/tracks

 


* Primo Maggio dei Castelli 2015 * – Scaletta esibizioni!!!

Locandina a cura di Xstudios

Locandina a cura di Xstudios

30 Aprile 2015 – inizio concerti ore 20.00

20.00 – Elle

La Connessione

21.00 – Occhiporpora

Vincent

22.00 – Le malanime

3chevedonoilrE

23.00 – Giancane

__________________________________________

1 Maggio 2015 – inizio concerti ore 12.00

12.00 – Il sinfonico & L’improbabile orchestra

Skasso

Inverso

Santi Bevitori

Artefici

Alcor

Super Dog Party

15.00 ca. – Dead Bouquet

The Phildrop

Dagomago

Pure

Neodimio

17.oo ca. – Lo Spinoso

Cafè Noir

RossoMalpelo

Tommaso Di Giulio

Legittimo Brigantaggio

Emanuele Colandrea

Simone Presciutti

20.00 ca. – gaLoni

Rewout

Area765

Ardecore

Le Mura

Two Fates

PRIMO MAGGIO DEI CASTELLI 2015:

Evento facebook – https://www.facebook.com/events/755233017918246/

Pagina Facebook – https://www.facebook.com/PrimoMaggioDeiCastelli

Sito Web – http://www.primomaggiodeicastelli.it/

VIA ARIANA, 8 VELLETRI – (RM) – Palazzetto dello sport Spartaco Bandinelli


* Primo Maggio dei Castelli 2015 * – Line Up!

Gli Ardecore

Gli Ardecore

Anche quest’anno l’evento del Primo Maggio dei Castelli si svilupperà in una due giorni interamente dedicata alla musica originale e d’autore che prenderà il via il 30 Aprile dal tramonto in poi e proseguirà per tutta la giornata del Primo Maggio! La kermesse si arricchisce quest’anno di nuove collaborazioni tecniche, associandosi a Relics come webzine ed Officine K (tra i fotografi ufficiali dell’evento) ed approfittando della backline offerta dal WaveTown Studios di via Nettunense nuova 154 a Marino. Sempre patrocinata dal comune di Velletri la due giorni si terrà per la quarta volta nello spazio antistante al palazzetto dello sport di Velletri, il PalaBandinelli con ingresso in via Ariana e in via di Cori, mentre, altra novità importante, a sposare la nostra causa è intervenuta quest’anno Heineken, da sempre impegnata in diversi festival nella promozione musicale! La rassegna, che vuole identificarsi per virtù e per necessità come punto d’incontro tra un numeroso pubblico ed il più vasto numero possibile di musicisti del panorama indipendente, quindi come vetrina alternativa alle realtà mainstream, vuole anche rappresentare un baluardo a salvaguardia delle tradizioni, come la caratteristica carciofolata, gastronomicamente parlando, valida rievocazione delle antiche “gite a li castelli” e con lo stesso spirito ogni anno si cerca di lasciare uno spazio appropriato alla canzone popolare, dialettale. Quest’anno il compito di difendere a spada tratta la nostra “romanità” è affidato con piacere ed onore agli ARDECORE, usciti da poco con un nuovo lavoro discografico dal titolo “Vecchia Roma”, che con le loro rielaborazioni in chiave moderna di vecchie canzoni appartenenti per lo più alla tradizione romana, con le loro narrazioni di fatti d’amore e de cortello, sapranno emozionarci come è loro solito! I gruppi che troveranno ospitalità sul palco del * Primo Maggio dei Castelli 2015 * saranno (in ordine sparso):

30 Aprile: La Connessione – Vincent – Le Malanime – Occhiporpora – Elle -3chevedonoilrE – Giancane

1 Maggio: Il Sinfonico e L’Improbabile Orchestra – Lo Spinoso – Inverso – Santi Bevitori – Simone Presciutti – Dagomago – Artefici – Pure – Skasso – Two Fates – Alcor – Rewout – Super Dog Party – Neodimio – Dead Bouquet – Cafè Noir – The Phildrop – Le Mura – Tommaso Di Giulio – Legittimo Brigantaggio – Area765 – Rossomalpelo – Emanuele Colandrea – gaLoni – Ardecore

La manifestazione quest’anno si è avvalsa della collaborazione di RADIO ROCK 106.600, partner nell’organizzazione di un contest, dal nome Rock On Parade, che ha portato molte delle band in cartellone a guadagnarsi il nostro palco, dandoci modo di trovare in Line Up gruppi dalle provenienze più disparate, come i Dagomago da Torino, i Rewout da Aversa, i Two Fates dalla provincia di Teramo, oltre che di conoscere tante altre realtà italiane che solo per problemi di tempo non si sono guadagnate il palco in questa edizione (oltre 90 le band iscritte)! Il contest si è svolto sui palchi più prestigiosi per quanto riguarda la musica originale a Roma e dintorni, ossia: Spazio Ebbro, Contestaccio, Sottoscala9, Mentelocale, The Spot Club (e proseguirà poi a Maggio su altri palchi per i quarti di finale).

Evento Facebook Ufficiale: https://www.facebook.com/events/755233017918246/


365 giorni di Copertine – Le più gradite in serie “gold”!

Le mie copertine facebook compiono un anno, frasi estratte qua e là da ciò che scrivo o ideate appositamente per accompagnare i visitatori al mio profilo facebook. Poco più di cinquanta immagini (che trovate qui nella loro totalità: https://www.facebook.com/andrea.caovini/media_set?set=a.10151220003034706.474871.630839705&type=3 ) che hanno totalizzato la bellezza di 1998 “Mi piace” al 30 ottobre 2013 tra tutti i caricamenti. Un risultato che mi ha piacevolmente fatto pensare che era giusto premiare le “migliori” con una serie gold. Dovevo sceglierne dieci, ma ironia della sorte stilando una classifica sulla base dei vostri click al decimo posto ho trovato due frasi parimerito, con 69 like, la prima ne ha totalizzati 107! Non le pubblico in ordine, perché in fondo tutto ciò è un gioco senza alcuna competizione dietro, ci sono io, i miei pensieri, le mie ispirazioni, nient’altro. Dico solo perché è una informazione simpatica per i visitatori di questo blog che la frase simbolo che lo apre, quella sulla “condivisione” è stata la prima esclusa, con 68 like!

Le allego di seguito quindi in ordine sparso, tutt’e undici, ribadendo che chi volesse usarle, condividerle, pubblicizzarle non ha bisogno del mio permesso, ma merita la mia gratitudine, perché “ciò che rende belle le cose è la condivisione…”!


SIAE. Un articolo al giorno toglie l’accertatore di torno!

Dalla legge 633 del 1941 sul diritto d’autore:

Titolo V

Enti di diritto pubblico per la protezione e l’esercizio dei diritti di autore

Art. 180.

L’attività di intermediario, comunque attuata, sotto ogni forma diretta o indiretta di intervento, mediazione, mandato, rappresentanza ed anche di cessione per l’esercizio dei diritti di rappresentazione, di esecuzione, di recitazione, di radiodiffusione ivi compresa la comunicazione al pubblico via satellite e di riproduzione meccanica e cinematografica di opere tutelate, è riservata in via esclusiva alla Società italiana degli autori ed editori (SIAE).

Tale attività è esercitata per effettuare:

1) la concessione, per conto e nell’interesse degli aventi diritto, di licenze e autorizzazioni per la utilizzazione economica di opere tutelate;

2) la percezione dei proventi derivanti da dette licenze ed autorizzazioni;

3) la ripartizione dei proventi medesimi tra gli aventi diritto.

L’attività dell’ente si eserciterà altresì secondo le norme stabilite dal regolamento in quei paesi stranieri nei quali esso ha una rappresentanza organizzata.

La suddetta esclusività di poteri non pregiudica la facoltà spettante all’autore, ai suoi successori o agli aventi causa, di esercitare direttamente i diritti loro riconosciuti da questa legge.

Nella ripartizione dei proventi prevista al n. 3 del secondo comma una quota parte deve essere in ogni caso riservata all’autore. I limiti e le modalità della ripartizione sono determinate dal regolamento.

Quando, però, i diritti di utilizzazione economica dell’opera possono dar luogo a percezioni di proventi in paesi stranieri in favore di cittadini italiani domiciliati o residenti nel regno, nell’Africa italiana e nei possedimenti italiani, ed i titolari di tali diritti non provvedono, per qualsiasi motivo, alla percezione dei proventi, trascorso un anno dalla loro esigibilità è conferito alla Società italiana degli autori ed editori (SIAE) il potere di esercitare i diritti medesimi per conto e nell’interesse dell’autore e dei suoi successori o aventi causa.

I proventi di cui al precedente comma riscossi alla Società italiana degli autori ed editori (SIAE), detratte le spese di riscossione, saranno tenuti a disposizione degli aventi diritto, per un periodo di tre anni; trascorso questo termine senza che siano stati reclamati dagli aventi diritto, saranno versati alla Confederazione nazionale professionisti ed artisti (196), per scopi di assistenza alle categorie degli autori, scrittori e musicisti.

————————————————————————————————————————————————————————-

Ora, io non sono un avvocato, ho studiato in un Istituto Tecnico e posso vantare un’esperienza minima di diritto, ma mi pare che la questione sia molto più inerente all’Italiano ed alla logica:

“Nella ripartizione dei proventi prevista al n. 3 del secondo comma una quota parte deve essere in ogni caso riservata all’autore”, e le ripartizioni a campione? Sbaglio (correggetemi) o prevede che all’autore possa non arrivare nulla?

“I proventi di cui al precedente comma riscossi alla Società italiana degli autori ed editori (SIAE), detratte le spese di riscossione, saranno tenuti a disposizione degli aventi diritto, per un periodo di tre anni…”, l’ammontare di queste spese di riscossione corrisponde a…? Se ci sono autori iscritti SIAE che stanno leggendo potrebbero comunicarmi a quanto ammonta rispetto al pagamento totale del permesso SIAE la loro retribuzione? Ad esempio, su un programma musicale per il quale l’organizzatore esborsa 97 euro più IVA in una serata in cui un autore esegue tutti brani del suo repertorio originale e tutelato che cifra arriva nelle tasche dell’autore? Ovviamente se avete la possibilità di capirlo dai resoconti, o approssimativamente, sapendo quanti programmi musicali avete riempito nei sei mesi e quanti soldi vi sono arrivati…

Insomma, a chi conviene essere iscritto alla SIAE? Vi prego, AIUTATEMI A CAPIRCI QUALCOSA!!!

[CONTINUA, eccome se continua!]

V per SIAE


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: