Archivi tag: rifiuti

La differenziata de mi’ nonna

riciclo-rifiuti1La monnezze de mi’ nonna erano quattro stupidaggini a settimana, du’ cocce d’ovo, quarche lisca de pesce, ossi de frutta e la carta de un pacco de farina. Poco più.
Er pane secco lo bagnava e ce faceva la panzanella, se era troppo lo portava a Santa, che lo dava alle galline, barattato co’n ovetto fresco. Er latte lo pijava da Pierina, che armata de sgommarello e imbuto lo metteva dentro a ‘na bottija de vetro. Sempre la stessa. L’acqua manco a dillo, alla fontana, il vino all’osteria. Le stesse dieci bottiglie da ‘na vita, bollite mille vorte. I piatti se sgrassavano coll’acqua della pasta, sapone QB. Coi barattoli de vetro ce faceva la passata. Il cartone sempre a Santa e co’ 500 lire de differenza te dava ‘na gallina.
Mi’ nonna era bio.
La carne che un giorno era bollito er giorno dopo era ripassata co’a verdura e er terzo giorno era porpetta, mi nonna non buttava da magna’ manco sotto tortura. Er vino diventava aceto. Mi’ nonna forse faceva quarche cosa pure co’ le farfalle de’a farina.
La plastica nun sapeva manco che era. Se a mi’ nonna je davi da magna’ dentro a ‘n piatto de plastica bene te diceva se te continuava a rivorge’ ‘a parola. Pensa se j’avessi detto che poi pe’ buttallo lo dovevi lava’ uguale, avrebbe detto venti avemarie ar posto tuo pe’ fatte perdona’.
Pe’ mi’ nonna l’umido è sempre stato quello della sala, in alto a destra sotto la canna fumaria della stufa. C’ha combattuto una vita. ‘Ccisua.
Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: