Pensieri di 10 mesi fa, mai attuali quanto oggi.

Andrea Caovini

Il mio paese è quello in cui quando accade una calamità, un terremoto, un’alluvione i suoi cittadini si vestono da volontari e vanno a scavare nelle macerie, non fanno telefonate ridendo per un appalto. Il mio paese è quello dove se senti parlare siciliano o calabrese sei sicuro che ti offriranno un caffè, che ti inviteranno a casa loro e ti tratteranno come un figlio, non che ti ammazzeranno un parente con un’autobomba.

View original post 366 altre parole


One response to “

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: