“Una macchina truccata parcheggiata fuori strada…” aka “perché Velletri è Velletri”

Già, la mia macchina s’è truccata, s’è truccata da modellino in scala uno a uno della Burago di una Dedra bianca sulla vetrina del negozio La Giraffa camuffata da via S. Stefano in Velletri Town. Capirete…

Ieri sera, fiero di essermi ricordato che l’indomani ci sarebbe stata la santissima festa del santissimo patrono della santa cittadina Veliterna e che miriadi di santissime bancarelle avrebbero affollato ed ornato le santissime vie e piazze che circondano la santissima cattedrale di San Clemente, mi reco a parcheggiare in un insospettabile pertugio libero, uno dei pochi, oro a Velletri, sito in via Santo Stefano, confinante con viale Regina Margherita (uno dei santi luoghi di cui sopra) ma non dipendente da essa in quanto con una semplice retromarcia avrei preso la direzione contraria e salvato la mia giornata da eventuali commemorazioni. Niente di tutto ciò…

Arrivo alla mia macchina e trovo che la suddetta via era stata indebitamente occupata da cinque furgoni di festanti fieraroli e chiusa in fondo da un genio con una Megane a tappo del tutto, una via dove due macchine ci passano, agevolmente ma non troppo, a senso unico, con cinque furgoni in contromano clamoroso, abbandonati e picchettati per evitare ruzzolamenti. Chiedo l’intervento dei vigili urbani che allertati da una cordiale collega mi raggiungono con una pattuglia, altrettanto cordialmente mi fanno presente che nulla possono oltre che multare i mezzi in sosta, tanto meno tentare una rimozione forzata in quanto non preavvisata da cartello. Mo’ io dico, voglio capire che metti un furgone in doppia fila perché stai lavorando, devi scaricare, ti serve a portata di mano, ma impadronirsi di una via e sequestrare altre cinque o sei macchine, nonché sbarrare cancelli di private abitazioni è punibile solo con un divieto di sosta da 38 euro? Una strada messa nelle condizioni di non accesso ad un passeggino, figuriamoci ad una sedia a rotelle. Ringraziando tutti i santissimi di cui sopra io ho le gambe, ho camminato fino alla fermata dell’autobus, anche se pioveva, la mia giornata è cambiata di poco, per andare in radio è venuto Valerio a prendermi ecc… Certo, ora che so che con soli 38 euro a Velletri si può chiudere una strada ed impadronirsene mi farò qualche regalo in più. L’anno prossimo per il mio compleanno mi prenderò il Corso per festeggiare e lo userò come sambodromo, con altri 38 euro bloccherò piazza Cairoli per il concertone serale e con gli ultimi 38 euro fuochi e torta dalla piazza del comune! Un locale mi costerebbe molto di più!

Un paese a disposizione per il tuo giorno più bello? 114 euro!!! Per tutto il resto c’è l’autobus!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: